Esperienze a Nusa Penida: cosa fare

Nusa Penida KelingkingBeach 2 Cuori in Viaggio

Prima di partire per Bali, mentre cercavamo informazioni sul web, ci siamo imbattuti in alcune foto di Nusa Penida e ce ne siamo innamorati.

Ci sono tre isole Nusa che si trovano a sud-est dell’isola di Bali: Nusa Lembongan, Nusa Ceningan e Nusa Penida che è la più grande. E’ possibile soggiornare sull’isola anche qualche giorno, oppure organizzare un escursione in giornata.

Per arrivare a Nusa Penida basta prendere la barca al porto di Sanur, da qui partono traghetti giornalieri che in un’ora vi porteranno sull’isola. Non aspettatevi un porto come quelli a cui siamo abituati in Italia, sulle barche si sale direttamente dalla spiaggia, quindi ricordate di non mettere vestiti lunghi e toglietevi le scarpe.

Arrivati al porto si fa una registrazione, le compagnie sono diverse, dopodiché verrete “etichettati” a seconda del vostro tipo di viaggio e vi sarà indicato l’orario di rientro. La barca viaggia veloce sulle onde, bisogna rimanere all’interno e dai finestrini spesso entra l’acqua, se non volete bagnarvi sconsigliamo le prime file.

Il mare è spesso molto agitato a Bali e la barca ha ballato parecchio, soprattutto al ritorno.

Arrivando al porto ad attendervi ci sarà una distesa di driver con i cartelli con i nomi, dovrete solo cercare il vostro.

Le strade sono piccole e non completamente asfaltate e solo i driver del posto sono in grado di guidare le macchine negli orari più affollati. Un’altra alternativa sono i motorini, anche se non deve essere facile guidarli su quelle strade.

Nusa Penida cosa vedere

Kelingking Beach

Nusa Penida è ancora selvaggia, come probabilmente era Bali qualche anno fa, è un’isola molto rocciosa, con scogliere che si tuffano a picco nel mare.

Strade strette in mezzo alla natura, piccole case sparse in mezzo agli alberi e una manciata di minuscoli villaggi. Qualche struttura molto wild dove dormire e diversi warun dove mangiare.

Dopo quasi un’ora di viaggio dal porto arriviamo alla prima tappa, Kelingking Beach.

Difficile descrivere l’emozione provata trovandosi in piedi sul precipizio di queste scogliere altissime, con il blu intenso del mare all’orizzonte.

La spiaggia è ampia e di sabbia chiara, ma per arrivarci preparatevi a una ripida discesa e a una faticosa risalita. Sul promontorio sono diversi i punti di osservazione per godere del panorama e per scattare qualche foto.

Ad accompagnarvi l’ungo il cammino delle piccole e simpatiche scimmiette.

La scogliera sembra un dinosauro che emerge dalle profondità del mare. In alcuni punti per fare una foto occorre mettersi in fila, ma basta spostarsi di poco per poter godere del panorama in tranquillità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Broken Beach

Broken Beach si trova nell’angolo più orientale di Nusa Penida, nonostante il nome non si tratta di una spiaggia, ma un enorme buco circolare nella roccia che forma un arco sul mare.

Anche qui il panorama è meraviglioso, un vero e proprio ponte di roccia sospeso nel blu. Il mare mosso si infrange con grandi onde sulla scogliera. Si può passeggiare nei dintorni della scogliera per fare foto da diverse angolazioni, nella zona si possono vedere diverse barche perché c’è un manta point. Da qui l’accesso al mare è impossibile, oltre che molto pericoloso.

Noi abbiamo avuto la fortuna di vedere un branco di delfini passare proprio davanti alla scogliera.

Il vostro driver sarà un utile alleato per scattare delle bellissime foto, si metterà in coda per voi e si arrampicherà per regalavi degli scatti con effetto drone. Un consiglio, le onde possono essere molto alte e molto forti quindi prestate la massima attenzione, se vedete delle zone di scogliera bagnata è perché le onde possono arrivare fin lì.

Se avete fame davanti al parcheggio c’è un piccolo warung.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Angel Billabong

Con una breve camminata arriverete a Angel Billabong, un altro promontorio dove il mare si infrange sugli scogli formando una piscina naturale. Le rocce si sono levigate negli anni per via dell’acqua. Gli spruzzi creati dalle onde sono veramente affascinanti.

Uno spot molto famoso sull’isola e perfetto per ammirare il tramonto è sorge la casa sull’albero, Rumah Pohon Tree House, uno spot davvero molto instagrammabile.

Spiagge a Nusa Penida

Diamond Bay

Ai piedi dell’enorme scogliera, in un piccolo angolo di paradiso si trova Diamond Bay.

Per arrivare a Diamond Bay vi attende un percorso di gradini creati nella roccia, con un corrimano di paletti di legno e corde. Vi consigliamo le scarpe da ginnastica.

Vicino alla riva spunta un masso a forma di diamante, che regala il nome a questa meravigliosa spiaggetta incontaminata.

Crystal Bay

Questa è una delle spiagge più famose dell’isola, l’accesso è molto semplice e ci sono diversi locali direttamente sulla spiaggia dove mangiare o bere qualcosa. Inoltre è possibile affittare lettini e ombrelloni.

Crystal Bay è il posto perfetto per fare snorkeling a Nusa Penida, davanti alla spiaggia c’è un isolotto con una fitta vegetazione che rende il paesaggio ancora più bello. L’accesso è davvero molto facile e è possibile vedere i Mola Mola o pesci luna.

A Crystal Bay abbiamo finito la giornata, rilassandoci al sole e facendo qualche bagno, in questa baia il mare è abbastanza calmo. Ci si può rilassare e si possono fare delle belle nuotate.

Alle cinque abbiamo dovuto salutare Nusa Penida, ci è piaciuta tantissimo e speriamo di tornare per poterci fermare qualche giorno e scoprirla in modo più approfondito.

Come ultimamente ci accade, non è un addio, ma solo un arrivederci!

Se vuoi vedere tutte le nostre foto scattate a Bali in alta risoluzione, con i dati exif e geotag, clicca QUI.

Home » Esperienze a Nusa Penida: cosa fare

10 pensieri su “Esperienze a Nusa Penida: cosa fare

  1. Anna dice:

    Che dire, ci credo che ve ne siete innamorati solo dalle foto: stesso effetto per me guardando le vostre. Decisamente un posto da scoprire! Quanti giorni consigliate di dedicarci?

  2. Annalisa trevaligie-travelblog dice:

    A volte penso di essere fortunata a non soffrire il mal di mare! Altrimenti a quante esperienze del genere avrei dovuto rinunciare! Bellissimi i promontori, e anche la spiaggia è decisamente paradisiaca. Ci credo che vogliate tornare presto. Sono luoghi che rimangono nel cuore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.