L' Angolo del Fotografo

Cavalletto e Zaino da viaggio : I miei nuovi acquisti

Zaino e cavalletto 4

Durante i nostri ultimi viaggi ho risentito un po’ troppo del peso del cavalletto e dello zaino che portavo sulle spalle. Il Manfrotto 190XPRO4 è bello, solido e versatile ma portarselo dietro per quattro giorni è troppo pesante. Lo zaino Mantona poi comincia a sentire gli anni ed in confronto agli zaini moderni è meno versatile. Insomma ho trovato un sacco di belle scuse per far digerire, del tutto o quasi, a mia moglie la mia voglia di comprare cavalletto e zaino nuovi.

Così, dopo lunghi ed estenuanti mesi di ricerche, sono riuscito a trovare l’accoppiata perfetta (speriamo!) per i nostri viaggi.

Il cavalletto

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per quanto riguarda il cavalletto mi sono concentrato su peso, dimensioni e portata. Tra le varie marche più o meno blasonate la Manfrotto ha a catalogo il prodotto perfetto. Element Traveller Piccolo, questo nome racchiude l’essenza di questo treppiede.

Il kit comprende una testa a sfera con movimento panoramico svincolato, piastra tipo ARCA SWISS e gambe con serraggio a vite TWIST LOCK. Il treppiede misura solo 32cm in posizione di riposo con le gambe ripiegate al contrario in modo da avvolgere l’asta centrale. L’altezza minima da aperto è di 36cm e quella massima di 143cm. Le gambe sono a cinque sezioni ed hanno tre inclinazioni selezionabili. Pesa soltanto 1150g, regge ben 4kg e riesce a stare anche nel mio monospalla Lowepro Passport. Le dimensioni ed il peso sono davvero ridottissimi. Nella confezione vengono forniti tre puntali in ferro, intercambiabili con i piedini in gomma, ed una comoda sacca imbottita. Dopo averlo provato un paio di volte mi ritengo davvero soddisfatto. Bisogna prendere un po’ la mano per chiuderlo perfettamente ma ci si abitua subito. Infine ritengo il prezzo onesto in rapporto alle caratteristiche pressoché uniche.

Lo zaino

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

La ricerca dello zaino perfetto è stata la più difficile. Lo cercavo resistente, leggero, modulabile ed obbligatoriamente di dimensioni perfette come bagaglio a mano. Trovata una caratteristica veniva matematicamente a mancare l’altra. Ho cercato sui siti di tutti i principali brand di zaini fotografici ed anche questa volta Manfrotto ha vinto.

Il Mover-50 della collezione Manhattan ha le dimensioni perfette per essere imbarcato come bagaglio a mano: 32x20x50. Il prezzo non è dei più economici ma in rete si trovano spesso buone offerte. Con i suoi 1580g non è leggerissimo, ma è discreto e passa inosservato. L’inserto interno modulabile dedicato al materiale fotografico è  estraibile, questo permette di trasformarlo in uno zaino comune. I divisori sono tanti ed adattabili ad ogni esigenza.

Al suo interno ci sta la mia d7200 con il 70-200 f2.8 montato, altre tre lenti, il flash ed accessori vari lasciando libero il vano superiore per oggetti non fotografici. Lo zaino ha anche una tasca frontale per riporre un tablet da 10″ ed un laptop da 15,6″. Su un lato c’è una comoda tasca dove riporre una bottiglietta d’acqua e davanti una tasca a tutta lunghezza dove inserire ad esempio una rivista o una guida turistica. La dotazione di tasche finisce con una laterale, che contiene le due cinghie per il fissaggio del cavalletto, ed una bassa posizionata sul fondo per inserirne una gamba.

Il fondo è rinforzato e sia il tessuto che le cuciture sono waterproof. Manfrotto ha pensato anche agli acquazzoni più forti fornendo a corredo una comoda sacca impermeabile da calzare sullo zaino. Nella parte superiore è presente un organizer con retina e zip. Lo schienale apribile, ben imbottito, è l’unico accesso all’attrezzatura fotografica, ottimo contro tentativi di furto in zone affollate o mezzi pubblici. Comoda l’integrazione di un attacco per il trolley.

Gli spallacci sono larghi, regolabili e mediamente morbidi. All’altezza del petto ci sono due occhielli ed il classico laccio regolabile con moschettone. Nella zona lombare è presente anche una cintura regolabile, non sempre apprezzata, ma perfetta per scaricare parte del peso sulle anche.

Il primo test, quattro giorni di Copenaghen full immersion, è stato superato egregiamente quindi non posso che consigliare questa ottima accoppiata!

 

 

 

Se ti è piaciuto...condividilo!

2 pensieri su “Cavalletto e Zaino da viaggio : I miei nuovi acquisti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − diciassette =